Blog

wabi kusa

Wabi-Kusa: cosa sono e come si realizzano?

Wabi kusa deriva dal concetto giapponese “Wabisabi” che rappresenta l’accettazione e l’apprezzamento dello stato naturale delle cose, della loro semplicità in cui risiede la vera bellezza. Sono diventati molto popolari grazie a Takashi Amano e alla sua azienda ADA , Aqua Design Amano, che li utilizzò per riempire dei bellissimi acquari piuttosto che posizione ad una ad una ogni piantina. Oggi i Wabi-Kusa sono molto apprezzati e vengono considerati un vero e proprio oggetto di design che abbellisce lo spazio abitativo: lascia che la natura si sviluppi liberamente e produca risultati sorprendenti. Ma cosa sono precisamente e come si realizzano?

Che cosa sono?

Per descriverli in parole semplici i Wabi-kusa sono delle palline di substrato vegetale, generalmente terreno, ricoperte da piantine acquatiche coltivate di solito in un contenitore in vetro. Quasi ogni pianta dell’acquario è adatta per un Wabi-Kusa, a condizione che possa formare sia una forma subacquea (sommersa) sia una forma emersa.  Le specie vegetali popolari per un Wabi-Kusa sono principalmente la delle piante a stelo, ma anche quelle adatte copertura del suolo. In questo contesto, i muschi sono considerati “piante utili”.

Come si realizzano

  • Fase 1: creare la base con un substrato vegetale

Per prima cosa bisogna scegliere i tipi di substrato che si vogliono utilizzare, ad esempio l’Akadama, in base alle piante che inseriremo. Una volta realizzato questo composto bisognerà formare una vera e propria palla.

  • Fase 2: inserire le piante scelte

Successivamente si inseriscono le piantine partendo da quella più alte, quindi a stelo. Si piantumano affondandole fino al centro del Wabikusa con l’uso di una buona pinzetta che permette il rilascio della talea senza “tirarla” indietro. È necessario spruzzare frequentemente acqua nebulizzata sia sul Wabikusa che sulle piante in modo da non farle appassire.

  • Fase 3: posizionarlo in un contenitore in vetro

Una volta che il Wabi-kusa viene posizionato nel contenitore di vetro, si aggiungono alcuni centimetri d’acqua, a seconda delle piante e della forma del contenitore che hai scelto.

Come prendersene cura

È importante sapere che le tue piante affronteranno una fase di adattamento per abituarsi all’ambiente e far crescere le radici. Trascorsi 2 giorni da quando hai creato la tua “palla” wabi-kusa, dovrai metterla in un piccolo contenitore con dell’acqua che ne ricopra circa metà.

Questo permetterà alle talee di mantenere un’umidità perfetta e di fornire acqua alle punte e alle foglie. Visto che non hanno ancora sviluppato le radici, è necessario assicurarsi che i loro steli siano sempre bagnati. In questo modo, l’acqua incoraggerà le radici a crescere rendendo le tue talee più forti e consentirà loro di trasformarsi in piante a tutti gli effetti.

Un altro fattore molto importante per far sviluppare le radici è mantenere il tuo wabi-kusa lontano dalla luce diretta; il posto perfetto sarebbe in una zona calda della casa, sotto delle luci artificiali.

Una volta che le tue piante avranno le radici saranno diventate più vivaci e forse saranno anche cresciute delle nuove foglie, il tuo piccolo wabi-kusa sarà più resistente al calore e alla luce solare.  Nonostante queste piante si adattino facilmente a qualsiasi ambiente, devi spostarli gradualmente, in modo che possano adattarsi lungo la strada!

Quando le tue piante saranno completamente acclimatate non sarà più necessario che stiano in una pozza d’acqua; perciò mantieni solo la palla umida spruzzandola con acqua una volta al giorno. Assicurati di concimarle spruzzando il fertilizzante solo sulle foglie ed intorno alla base del tuo terrario.

Leave your comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.